Il sito fa uso di cookies tecnici, cioè di piccoli file di testo inviati alle apparecchiature connesse per ottimizzare la navigazione. Seguendo alcuni link verranno inviati anche cookies di terze parti, come Google+, Youtube ed altri. Se non volete utilizzare i cookies potete disabilitarli nel browser. Controllate l'informativa sui Cookie prima di proseguire. Cliccando su OK gli utenti acconsentono al ricorso dei cookies.

MENU
Home Gli scritti Notizie Guestbook Download Collegamenti Galleria

Presentazione

Il bimbo nel prato

In piena primavera,
nel prato rifiorito,
passeggi verso sera,
bimbo rinvigorito.

Una farfalla, un fiore,
un piccol girotondo
ti fa felice il cuore,
o mio bambin giocondo.

Col tuo fiso guardare
vedi il bel pettirosso,
e senti il suo trillare
sul ciglion del fosso.

Domandi al tuo nonnino:
"Lo potrei pigliare"?
"Ma no, caro piccino,
bisogna sol guardare.

Fiori, farfalle, uccelli,
quanto ha creato Iddio,
sono ornamenti belli,
caro bambino mio.

Pasquale Siciliano, mio padre, classe 1916, con nelle membra i segni della guerra, piaghe che lo condannarono ad un destino beffardo, è morto col sogno di pubblicare un libro di poesie. Conosceva molti canti della Divina Commedia a memoria, leggeva sempre, era un autodidatta; aveva una passione immensa per i versi in stile classico. Aveva partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali ottenendo diversi riconoscimenti. Anche l'Accademia Tiberina lo aveva annoverato tra i suoi membri. Parecchie sue opere erano state pubblicate da giornali, riviste e antologie. Ma in quegli anni chi leggeva più poesie? Era il periodo in cui si affermava un altro tipo di stampa... che fotografava una fondamentale crisi di valori. Eppure le offerte editoriali non mancavano. A volte in un solo giorno ne arrivavano anche due contemporaneamente, ma tutte, alla fine, proponevano all'autore di versare qualche milione e di piazzarsi da solo centinaia e centinaia di copie. Era per lui una cosa umiliante, alla quale aveva sempre detto di no. Giustamente.

Da giovane già si era cimentato nella sceneggiatura de “I promessi sposi”, di cui fu regista e suggeritore nelle rappresentazioni che si tenevano in uno stanzone di una casa vicino alla chiesa della Madonna Assunta di Altavilla di Lappano (CS), suo paese natio.

Moralista e religioso, come amava definirsi, tra le passioni predominanti, sin dalla sua giovinezza, il suo lavoro, lo studio instancabile della letteratura, la libertà delle idee ed il costante desiderio di una maggiore giustizia sociale. Tutte cose che traspirano dalle sue poesie in stile classico, che tuttavia precorrono i tempi moderni.

Sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie, ho pensato di mettere online alcune delle sue centinaia di poesie, semplicemente per farlo conoscere, rendergli merito e per ricordarlo a tutti quanti lo conobbero in vita.

Ultime notizie Indice RSS

Grazie!  

Un grazie a tutti i visitatori! Mi fa piacere che ci sia ancora qualcuno che legga poesie in stile classico. Prossimamente ne pubblicherò altre. Ritornate di tanto in tanto. A presto!

Autore : Valentino Siciliano
Share Stampa
3/03/2017 - 18:58
14 nuove poesie  

Ho pubblicato altre 14 poesie. Siamo a quota 82!

Autore : Valentino Siciliano
Share Stampa
2/02/2017 - 05:06
Nuovo dominio  

In data odierna il sito ha ottenuto tramite hostinggratis.it e omnibus.net il dominio pasqualesiciliano.it

Autore : Valentino Siciliano
Share Stampa
7/12/2016 - 18:21
Le prime poesie  

Per il momento ho pubblicato le prime sessanta poesie. Tempo permettendo e valutando la funzionalità di questo spazio web pubblicherò le altre.

Buona lettura|

Autore : Valentino Siciliano
Share Stampa
29/11/2016 - 15:18
New-CMS 2.9.6 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Admin
This page was created in 0.0473 seconds
Contenuto del div.